Far da sé col legno ed altri materiali
 

Pile ricaricabili

Roger 12 Ago 2017 15:38
Più sopra si parla di carica batterie per pile AA e AAA, ovviamente
ricaricabili.
Ma le pile non ricaricabili hanno una potenza di 1,5V,
mentre quelle ricaricabili sono solitamente (*) di 1,2V, cioè -20%, che
non mi pare poco.

Questa differenza di voltaggio che influenza ha sui dispositivi,
soprattutto
elettronici, che richiedono 1,5V?

(*) Dico "solitamente" perché esistono anche quelle da 1,5V, ma sono
rare e costano
un'enormità.


--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
LAB 12 Ago 2017 15:58
1,2V equivale alla tensione di un elemento non ricaricabile semi
scarico. Gli elementi Ni-xx, però, mantengono 1,2V per tutta
l'autonomia, facendo poi precipitare la tensione.

Ci sono apparecchiature che funzionano senza problemi, altre no.
Mio padre, ad esempio, anni fa ha avuto problemi con una macchina
fotografica digitale. Alcune batterie ricaricabili andavano
meglio di altre. Non so alla fine quasi ha scelto.


--


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Bernardo Rossi 12 Ago 2017 16:15
Roger <rugfarbeep ******* it> ha scritto:

> Ma le pile non ricaricabili hanno una potenza di 1,5V,

Tensione, non potenza.

> Questa differenza di voltaggio che influenza ha sui dispositivi,

Dipende da come e' progettato il singolo dispositivo, alcuni ti dicono
che la pila e' scarica, altri invece vanno benissimo con entrambi i tipi.
Giacobino da Tradate 12 Ago 2017 16:21
Il 12/08/2017 15:38, Roger ha scritto:

> Ma le pile non ricaricabili hanno una potenza [tensione, ndr] di 1,5V

giusta osservazione. 1.5V e' la tensione nominale; da nuove hanno una
tensione anche superiore (1,55 - 1,60V), poi scaricandosi scendono via
via a 1,3 - 1,2 Volt.

> mentre quelle ricaricabili sono solitamente (*) di 1,2V, cioè -20%, che
> non mi pare poco.

Anche li' diciamo che e' una tensione nominale

> Questa differenza di voltaggio che influenza ha sui dispositivi,
> soprattutto elettronici, che richiedono 1,5V?

Dipende tutto dai dispositivi, che possono tollerare un range di
tensione, oppure essere schizzinosi.

Per esempio alcune torce a LED di marca LED LENSER, previste solo per le
alcaline, non si accendono con le NiCd perche' il circuito le considera
scariche e fa lo shut down.

Altri dispositivi tipo pile a filamento, flash, ra*****line ecc. sono
molto piu' tolleranti.



--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
rawmode 12 Ago 2017 19:53
"Roger"

>

>
> Questa differenza di voltaggio che influenza ha sui dispositivi,
> soprattutto
> elettronici, che richiedono 1,5V?
>
...
e bravo, pensavi che ti lasciassero usare le ricaricabili al posto
delle altre!:) e chi, il mercato!? na na na.. devi acquistare pile
ab-aeternum per la felicita' delle discariche.
E mica so' fessi...
Teoricamente(e praticamente) non sono sostituibili i due tipi.
E gli apparecchi che vanno con le ricaricabili sono dedicati.
(Le ricaricabili massimamente sono usate per i pacchi-batteria.)
Windof 12 Ago 2017 20:48
Il 12/08/2017 15:38, Roger ha scritto:
> Più sopra si parla di carica batterie per pile AA e AAA, ovviamente
> ricaricabili.
> Ma le pile non ricaricabili hanno una potenza di 1,5V,
> mentre quelle ricaricabili sono solitamente (*) di 1,2V, cioè -20%, che
> non mi pare poco.
>
> Questa differenza di voltaggio che influenza ha sui dispositivi,
> soprattutto
> elettronici, che richiedono 1,5V?
>
> (*) Dico "solitamente" perché esistono anche quelle da 1,5V, ma sono
> rare e costano
> un'enormità.


Si tratta di un voltaggio nominale che cambia sotto sforzo e le
ricaricabili lo mantengono più alto sotto sforzo.
In genere non c'è nessun problema. Le ricaricabili sono comunque più
adatte a dispositivi dai consumi elevati, quindi a essere scaricate
velocemente. In queste condizioni hanno durata anche doppia rispetto
alle alcaline.
Guido Bonetti 12 Ago 2017 21:50
Il 12/08/2017 19:53, rawmode ha scritto:
> "Roger"
>
>>
>
>>
>> Questa differenza di voltaggio che influenza ha sui dispositivi,
>> soprattutto
>> elettronici, che richiedono 1,5V?
>>
> ....
> e bravo, pensavi che ti lasciassero usare le ricaricabili al posto
> delle altre!:) e chi, il mercato!? na na na.. devi acquistare pile
> ab-aeternum per la felicita' delle discariche.
> E mica so' fessi...
> Teoricamente(e praticamente) non sono sostituibili i due tipi.
> E gli apparecchi che vanno con le ricaricabili sono dedicati.
> (Le ricaricabili massimamente sono usate per i pacchi-batteria.)
>
>

Anche i telefoni di casa wireless funzionano con le ricaricabili e
funzionano bene e per lungo tempo.
rawmode 13 Ago 2017 02:20
"Guido Bonetti"

>
> Anche i telefoni di casa wireless funzionano con le ricaricabili e
> funzionano bene e per lungo tempo.
>

Gia', non ho mai visto un telefonino ad alcaline, cmq!!;)
liftman 13 Ago 2017 09:43
Il 13/08/2017 02:20, rawmode ha scritto:

> Gia', non ho mai visto un telefonino ad alcaline, cmq!!;)

eeeeeehh i giovani di oggi... :-D

http://www.ciao.it/Alcatel_One_Touch_Easy_DB__Opinione_131307


--
Fri(END), Boyfri(END), *****fri(END), Bestfri(END). Everything has an END
except...Fam(ILY)! It Has 3 Letters that say I LOVE YOU
Roger 13 Ago 2017 11:39
Windof ha scritto:

> [...]

> Si tratta di un voltaggio nominale che cambia sotto sforzo e le ricaricabili
> lo mantengono più alto sotto sforzo.
> In genere non c'è nessun problema. Le ricaricabili sono comunque più adatte
a
> dispositivi dai consumi elevati, quindi a essere scaricate velocemente. In
> queste condizioni hanno durata anche doppia rispetto alle alcaline.

Ringrazio tutti delle spiegazioni.
Allora, se non ho capito male, le ricaricabili mantengono il voltaggio,
sia pure inferiore, più a lungo, ma poi crollano improvvisamente o
quasi,
mentre quelle alcaline (cioè le non ricaricabili) cedono
progressivamente.
E questo potrebbe essere un punto a favore di quelle non ricaricabili
perché il dispositivo non rimane mai privo di alimentazione e si ha più
tempo per provvedere alla sostituzione.

--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Windof 13 Ago 2017 12:22
Il 13/08/2017 11:39, Roger ha scritto:
> Windof ha scritto:
>
>> [...]
>
>> Si tratta di un voltaggio nominale che cambia sotto sforzo e le
>> ricaricabili lo mantengono più alto sotto sforzo.
>> In genere non c'è nessun problema. Le ricaricabili sono comunque più
>> adatte a dispositivi dai consumi elevati, quindi a essere scaricate
>> velocemente. In queste condizioni hanno durata anche doppia rispetto
>> alle alcaline.
>
> Ringrazio tutti delle spiegazioni.
> Allora, se non ho capito male, le ricaricabili mantengono il voltaggio,
> sia pure inferiore, più a lungo, ma poi crollano improvvisamente o quasi,
> mentre quelle alcaline (cioè le non ricaricabili) cedono progressivamente.
> E questo potrebbe essere un punto a favore di quelle non ricaricabili
> perché il dispositivo non rimane mai privo di alimentazione e si ha più
> tempo per provvedere alla sostituzione.
>


No, non è proprio così. Se applichi un carico pesante a due batterie
cariche la ricaricabile praticamente non lo sente mentre l'alcalina si
abbassa subito ben sotto 1.5v e 1.2v.
Ma questi sono discorsi tecnici che non so fino a che punto servano a un
normale utilizzatore.
L'unico vantaggio che hanno le alcaline è nell'alimentare sveglie e
telecomandi perché hanno un'autoscarica minima e se la richiesta di
corrente è bassissima avendo un voltaggio più alto durano di più.
Ma tu cosa devi fare?
Franco Af 13 Ago 2017 12:26
> E questo potrebbe essere un punto a favore di quelle non ricaricabili
> perché il dispositivo non rimane mai privo di alimentazione e si ha più
> tempo per provvedere alla sostituzione.

dipende da quanto sei pigro e dalla disponibilità :)
se devi andarle a comprare io ci metto mesi lol
quelle ricaricabili ci metto 30-40 minuti (ovviamente non pienamente
cariche) per entrare in funzione :)

Adesso vendono delle ricaricabili con la usb incorporata che ricarichi
dove vuoi e soprattutto a 1.5v :)
rawmode 13 Ago 2017 14:50
"liftman"

>
>> Gia', non ho mai visto un telefonino ad alcaline, cmq!!;)
>
> eeeeeehh i giovani di oggi... :-D
>


Allora diciamo pure che i vecchi di oggi, hanno gia' visto abbastanza!
Dunque ho visto pure questa, ma abbiamo "risolto" il problema al
contrario..: non e' possibile generalmente usare le riciclabili al posto
delle
alcaline, ma si' per le alcaline al posto delle riciclabili(sono 0,3V
in+!!:)
Ovvero accattatevelle!! che poi le buttate e le ricomprate
le buttate e le ricomprate
le buttate e le ricomprate
le buttate e le ricomprate
le buttate e le ricomprate
le buttate e le ricomprate
le buttate e le ricomprate
le buttate e le ricomprate
din-did-din-din-din-din-din..
ad-libitum
Roger 13 Ago 2017 17:51
Windof ha scritto:

> Il 13/08/2017 11:39, Roger ha scritto:

>> [...]

> No, non è proprio così. Se applichi un carico pesante a due batterie cariche

> la ricaricabile praticamente non lo sente mentre l'alcalina si abbassa subito
> ben sotto 1.5v e 1.2v.
> Ma questi sono discorsi tecnici che non so fino a che punto servano a un
> normale utilizzatore.
> L'unico vantaggio che hanno le alcaline è nell'alimentare sveglie e
> telecomandi perché hanno un'autoscarica minima e se la richiesta di corrente
> è bassissima avendo un voltaggio più alto durano di più.
> Ma tu cosa devi fare?

Beh, la mia era una domanda generica.
Comunque uso stilo e ministilo per telecomandi, orologi da tavolo e da
parete, ra***** transistor, lampade portatili, mouse e tastiere cordless,
misuratore di pressione sanguigna (quest'ultimo le mangia come
caramelle, malgrado
lo usi una o due volte la settimana), stazione meteo con sensore
esterno,
e forse qualcos'altro che mi sfugge.
Dov'è che le ricaricabili sarebbero sconsigliate?

--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Windof 13 Ago 2017 18:11
Il 13/08/2017 17:51, Roger ha scritto:
> Windof ha scritto:
>
>> Il 13/08/2017 11:39, Roger ha scritto:
>
>>> [...]
>
>> No, non è proprio così. Se applichi un carico pesante a due batterie
>> cariche la ricaricabile praticamente non lo sente mentre l'alcalina si
>> abbassa subito ben sotto 1.5v e 1.2v.
>> Ma questi sono discorsi tecnici che non so fino a che punto servano a
>> un normale utilizzatore.
>> L'unico vantaggio che hanno le alcaline è nell'alimentare sveglie e
>> telecomandi perché hanno un'autoscarica minima e se la richiesta di
>> corrente è bassissima avendo un voltaggio più alto durano di più.
>> Ma tu cosa devi fare?
>
> Beh, la mia era una domanda generica.
> Comunque uso stilo e ministilo per telecomandi, orologi da tavolo e da
> parete, ra***** transistor, lampade portatili, mouse e tastiere cordless,
> misuratore di pressione sanguigna (quest'ultimo le mangia come
> caramelle, malgrado
> lo usi una o due volte la settimana), stazione meteo con sensore esterno,
> e forse qualcos'altro che mi sfugge.
> Dov'è che le ricaricabili sarebbero sconsigliate?
>

Sconsigliate da nessuna parte. Però tieni presente che ci sono
ricaricabili che hanno una bassissima autoscarica e possono stare anche
diversi anni senza essere utilizzate, costicchiano però sui 3-5 euro a
batteria. Non le metterei in un telecomando più che altro perché non
andresti a risparmiare. Ti consiglio di prendere solo batterie di questo
tipo.

Poi ci sono ricaricabili con rapida autoscarica che nel giro di un mese
già sono mezzo scariche, però in un telecomando funzionano comunque per
mesi, visto che serve poca energia. Sono più economiche ma non le userei
lo stesso.

Quindi l'uso ideale è sul mouse, se viene usato giornalmente, lampade e
tutti gli usi in cui le batterie si scaricano in fretta.
Roger 13 Ago 2017 18:25
Windof ha scritto:

> [...]

> Sconsigliate da nessuna parte. Però tieni presente che ci sono ricaricabili
> che hanno una bassissima autoscarica e possono stare anche diversi anni senza
> essere utilizzate, costicchiano però sui 3-5 euro a batteria. Non le metterei

> in un telecomando più che altro perché non andresti a risparmiare. Ti
> consiglio di prendere solo batterie di questo tipo.
>
> Poi ci sono ricaricabili con rapida autoscarica che nel giro di un mese già
> sono mezzo scariche, però in un telecomando funzionano comunque per mesi,
> visto che serve poca energia. Sono più economiche ma non le userei lo stesso.
>
> Quindi l'uso ideale è sul mouse, se viene usato giornalmente, lampade e tutti

> gli usi in cui le batterie si scaricano in fretta.

Denghiu :-)

--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Roger 16 Ago 2017 14:17
Roger ha scritto:

> [...]

> (*) Dico "solitamente" perché esistono anche quelle da 1,5V, ma sono rare e
> costano un'enormità.

Mi è capitata sott'occhio questa inserzione su eBay:

http://www.ebay.it/itm/302064435351?ul_noapp=true

Si tratta di pile AAA 1,5V al Li-fe che nel titolo vengono definite
"ricaricabili".
Leggendo il testo, però, si trova:
«AAA Li-Fe battery can entirely replace nickel AAA battery with better
performence, but all this batteries are NOT rechargeable»

Nel dubbio ho scritto al venditore chiedendo lumi e oggi mi risponde
che queste pile NON sono ricaricabili e che ci deve essere srato un
errore.
Però l'annuncio è ancora lì e la parola "ricaricabili" non è stata
tolta.
Quindi... occhio

Da'altra parte Wikipedia, però, definisce le pile Li-fe come
ricaricabili.

https://it.wikipedia.org/wiki/Accumulatore_litio-ferro-fosfato

Chi ne capisce qualcosa?

--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Renato 17 Ago 2017 00:13
Il 16/08/2017 14:17, Roger ha scritto:
> Roger ha scritto:
>
>> [...]
>
>> (*) Dico "solitamente" perch� esistono anche quelle da 1,5V, ma sono
>> rare e costano un'enormit�.
>
> Mi � capitata sott'occhio questa inserzione su eBay:
>
> http://www.ebay.it/itm/302064435351?ul_noapp=true
>
> Si tratta di pile AAA 1,5V al Li-fe che nel titolo vengono definite
> "ricaricabili".
> Leggendo il testo, per�, si trova:
> �AAA Li-Fe battery can entirely replace nickel AAA battery with better
> performence, but all this batteries are NOT rechargeable�
>
> Nel dubbio ho scritto al venditore chiedendo lumi e oggi mi risponde
> che queste pile NON sono ricaricabili e che ci deve essere srato un errore.
> Per� l'annuncio � ancora l� e la parola "ricaricabili" non � stata
tolta.
> Quindi... occhio
>
> Da'altra parte Wikipedia, per�, definisce le pile Li-fe come ricaricabili.
>
> https://it.wikipedia.org/wiki/Accumulatore_litio-ferro-fosfato
>
> Chi ne capisce qualcosa?
>
Io.
Tu stai facendo un "pochino" di confusione.
:-)
La chimica delle pile da 1,5V e' al litio + solfuro di ferro, *non* e'
ricaricabile ed ha un'efficienza maggiore delle LiFePo4 che sono si
*ricaricabili* ma molto piu' pesanti a parita' di prestazioni.

0,002 secondi con google....

<http://it.rs-online.com/web/p/batterie-aa/7073370/?origin=PSF_409446|alt>

--

Ciao, Renato
Roger 17 Ago 2017 09:30
Renato ha scritto:

> [...]

> Tu stai facendo un "pochino" di confusione.
> :-)
> La chimica delle pile da 1,5V e' al litio + solfuro di ferro, *non* e'
> ricaricabile ed ha un'efficienza maggiore delle LiFePo4 che sono si
> *ricaricabili* ma molto piu' pesanti a parita' di prestazioni.
>
> 0,002 secondi con google....
>
> <http://it.rs-online.com/web/p/batterie-aa/7073370/?origin=PSF_409446|alt>

Ho fatto ricerche con Google, però mettendo la chiave "Li-fe",
prendendo
quanto scritto nell'inserzione che ho linkato.
Quindi non sarei mai arrivato a "litio + solfuro di ferro".
Sulle pile del sito che mi segnali c'è scritto «Lithium»
Mentre nelle pile in vendita su eBay c'è scritto «Li-fe».

https://goo.gl/kWivE8

Quindi il venditore, oltre a scrivere "ricaricabili" quando non lo
sono,
gioca sull'equivoco Li-fe e Li-Fe-Po4.

Ti ringrazio comunque per le informazioni.

--
Ciao,
Roger
--
Coraggio, il meglio è passato (Ennio Flaiano)
Renato 17 Ago 2017 09:41
Il 17/08/2017 09:30, Roger ha scritto:
> Renato ha scritto:
>
>> [...]
>
>> Tu stai facendo un "pochino" di confusione.
>> :-)
>> La chimica delle pile da 1,5V e' al litio + solfuro di ferro, *non* e'
>> ricaricabile ed ha un'efficienza maggiore delle LiFePo4 che sono si
>> *ricaricabili* ma molto piu' pesanti a parita' di prestazioni.
>>
>> 0,002 secondi con google....
>>
>> <http://it.rs-online.com/web/p/batterie-aa/7073370/?origin=PSF_409446|alt>
>>
>
> Ho fatto ricerche con Google, per� mettendo la chiave "Li-fe", prendendo
> quanto scritto nell'inserzione che ho linkato.
> Quindi non sarei mai arrivato a "litio + solfuro di ferro".
> Sulle pile del sito che mi segnali c'� scritto �Lithium�
> Mentre nelle pile in vendita su eBay c'� scritto �Li-fe�.
>
> https://goo.gl/kWivE8
>
> Quindi il venditore, oltre a scrivere "ricaricabili" quando non lo sono,
> gioca sull'equivoco Li-fe e Li-Fe-Po4.
>
> Ti ringrazio comunque per le informazioni.

Di niente.... Considerato il rapido evolversi della ricerca (era ora)
presumo che dobbiamo attenderci, a breve, altre grosse novita' in questo
campo.....
Un saluto

--

Ciao, Renato
Liberator 17 Ago 2017 10:19
Il 13/08/2017 14:50, rawmode ha scritto:
> "liftman"
>
>>
>>> Gia', non ho mai visto un telefonino ad alcaline, cmq!!;)
>>
>> eeeeeehh i giovani di oggi... :-D
>>
>
>
> Allora diciamo pure che i vecchi di oggi, hanno gia' visto abbastanza!
> Dunque ho visto pure questa, ma abbiamo "risolto" il problema al
> contrario..: non e' possibile generalmente usare le riciclabili al posto
> delle
> alcaline, ma si' per le alcaline al posto delle riciclabili(sono 0,3V
> in+!!:)
> Ovvero accattatevelle!! che poi le buttate e le ricomprate
> le buttate e le ricomprate
> le buttate e le ricomprate
> le buttate e le ricomprate
> le buttate e le ricomprate
> le buttate e le ricomprate
> le buttate e le ricomprate
> le buttate e le ricomprate
> din-did-din-din-din-din-din..
> ad-libitum

ma figurati, hai mai provato??

sono ANNI che non mi capita un apparecchio dotato in origine di pile
alcaline che abbia avuto problemi a funzionare anche con le
ricaricabili, le uso su tutti gli apparecchi che mi è capitato di dover
usare.


il problema al massimo sono le ricaricabili, che se non sono di buona
qualità è meglio evitarle
L'Infante di Spagna 17 Ago 2017 11:25
Il giorno mercoledì 16 agosto 2017 14:17:08 UTC+2, Roger ha scritto:

> Mi è capitata sott'occhio questa inserzione su eBay:
> http://www.ebay.it/itm/302064435351?ul_noapp=true

4 euro l'una???
E che ragione ci potrebbe mai essere per voler spendere una cifra del genere per
delle batterie usa e getta?

--
L'Infante di Spagna
Paperino 17 Ago 2017 13:23
Liberator ha scritto:
> rawmode ha scritto:
>> "liftman"
>>>> Gia', non ho mai visto un telefonino ad alcaline, cmq!!;)
>>> eeeeeehh i giovani di oggi... :-D
>> Allora diciamo pure che i vecchi di oggi, hanno gia' visto abbastanza!
>> Dunque ho visto pure questa, ma abbiamo "risolto" il problema al
>> contrario..: non e' possibile generalmente usare le riciclabili al posto
>> delle
>> alcaline, ma si' per le alcaline al posto delle riciclabili(sono 0,3V
>> in+!!:)
>> Ovvero accattatevelle!! che poi le buttate e le ricomprate
>> le buttate e le ricomprate
>> le buttate e le ricomprate
>> le buttate e le ricomprate
>> le buttate e le ricomprate
>> le buttate e le ricomprate
>> le buttate e le ricomprate
>> le buttate e le ricomprate
>> din-did-din-din-din-din-din..
>> ad-libitum
> ma figurati, hai mai provato??
> sono ANNI che non mi capita un apparecchio dotato in origine di pile
> alcaline che abbia avuto problemi a funzionare anche con le
> ricaricabili, le uso su tutti gli apparecchi che mi è capitato di dover
> usare.

Macchine fotografiche e simili. Sono molto sensibili al voltaggio;
le batterie potrebbero magari fornire ancora un bel po' di energia,
ma se la tensione scende oltre una certa soglia ti dicono che sono
scariche e ti tocca cambiarle.

> il problema al massimo sono le ricaricabili, che se non sono di buona
> qualità è meglio evitarle

Il problema non è la qualità, è proprio che le ricaricabili,
in media, hanno una tensione leggermente minore delle alcaline.

Bye, G.
liftman 17 Ago 2017 13:31
Il 17/08/2017 13:23, Paperino ha scritto:

> Macchine fotografiche e simili. Sono molto sensibili al voltaggio;
> le batterie potrebbero magari fornire ancora un bel po' di energia,
> ma se la tensione scende oltre una certa soglia ti dicono che sono
> scariche e ti tocca cambiarle.

mi succedeva con una fotocamera kodak, che con pile nuove dopo 3 scatti
si spegneva, e voleva pile tipo duracell o altre marche che non ricordo,
per avere un minimo di autonomia. Attualmente uso una nikon coolpix l23
che funziona benissimo pure con le pile marchiae "coop".


--
Fri(END), Boyfri(END), *****fri(END), Bestfri(END). Everything has an END
except...Fam(ILY)! It Has 3 Letters that say I LOVE YOU

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Far da sé col legno ed altri materiali | Tutti i gruppi | it.hobby.fai-da-te | Notizie e discussioni faidate | Faidate Mobile | Servizio di consultazione news.